Genesi journal di Renato D'Andria

Genesi journal di Renato D'Andria

L'UMANITA' VERSO I MIGRANTI. SEMPRE E COMUNQUE. MA NO A MAGLIETTE ROSSE RADICAL CHIC
«L'accoglienza di coloro che fuggono da guerre, fame e miseria, non può essere lasciata al buon cuore, è un dovere delle nazioni sviluppate, ferme restando le norme a tutela dei cittadini, di qualsiasi razza e colore». Così il segretario del PSDI Renato d'Andria, che non esita a lanciare fendenti su manifestazioni pro-migranti all'insegna del folklore, ma prive di propositività concreta. A cominciare da quella che definisce senza mezzi termini «la pagliacciata delle magliette rosse radical chic».
«Non si sentiva davvero il bisogno - rincara la dose d'Andria - di un ritorno a scene di stampo girotondino per conquistare la scena mediatica, specie se, come è stato osservato, ad esibirsi in "red" sono ex comunisti col Rolex al polso, la villa a Capalbio o l'autista d'ordinanza».
Quanto alla presa di posizione del ministro Salvini, «va interpretata, a nostro giudizio, come l'estremo tentativo di chiamare alle proprie responsabilità i partner di Eurolandia, finora sfuggiti ai loro impegni, ed in tal senso sta ottenendo qualche apprezzabile risultato nel segno della condivisione». «Ritengo però - conclude il segretario PSDI - che quando l'emergenza in mare obbliga ad intervenire tempestivamente, il nostro Paese non possa e non debba sottrarsi al dovere di prestare soccorso ed accoglienza».

www.facebook.com/renatoDAndriapacepaesimedite...