Genesi journal di Renato D'Andria

IL CORAGGIO DI ANDREA NAHLES - SOCIALDEMOCRATICI DECISIVI SULLA QUESTIONE MIGRANTI PER LA TENUTA DEL GOVERNO TEDESCO

Fino a poche ore fa la crisi di governo che nei giorni scorsi rischiava di travolgere Angela Merkel e il suo governo sembrava ormai finita. Era infatti rientrata in extremis tensione aperta a seguito della proposta sui respingimenti presentata dal suo ministro degli Interni, Horst Seehofer.
Ed invece ora la cancelliera deve fare i conti con l’altro alleato: i socialdemocratici dell’Spd.
La cui leader, Andrea Nahles, pur riconoscendo che sono stati fatti alcuni progressi, dichiara oggi che la Germania non ha bisogno di alcun piano generale per riformare il diritto d’asilo e di non essere d’accordo sui centri di transito.
«Apprezziamo il coraggio della leader socialdemocratica tedesca Nahles - dichiara stasera il segretario PSDI Renato d'Andria - che fa risuonare con grinta i valori fondanti del socialismo democratico, in Germania così come in Europa. E ancor più giusta ci sembra la sua decisione di tenere duro, anche perché, come ha affermato lei stessa, ogni modifica al programma di governo deve essere concordata con la Spd».
L’Spd è favorevole ai centri di accoglienza per richiedenti asilo, ha ribadito Nahles, ma rifiuta le istituzioni chiuse e recintate.
Una posizione netta, a fronte della quale il cancelliere tedesco e il suo ministro degli Interni Horst Seehofer sono impegnati a convincere il partito socialdemocratico a condividere le scelte sui migranti. In caso contrario, il governo di coalizione della Germania potrebbe crollare.

www.facebook.com/renatoDAndriapacepaesimedite...